• Portale Informativo del Comune di Calamonaci
  • Portale Informativo del Comune di Calamonaci
  • Portale Informativo del Comune di Calamonaci
  • Portale Informativo del Comune di Calamonaci
Home page La festa

La festa

Le origini

Due documenti parlano della festa: uno del 1714 e l'altro del 1748, nei quali i giurati di Calamonaci prevedono, nei conti comunali, le spese per la festa del Patrono. Il Simulacro, risalente al 23 Novembre 1609, maestoso e veneratissimo, è tale da incutere timore reverenziale a tutti i calamonacesi e forestieri.

Oggi

A Calamonaci, in onore di San Vincenzo Ferreri, si celebrano 2 feste: la prima, quella esclusivamente liturgica, il 5 Aprile di ogni anno; l'altra, quella popolare e paesana, la prima o seconda Domenica di Agosto. Anticamente, la festa si svolgeva la seconda Domenica di Maggio. Ma, a seguito di varie pressioni da parte di migliaia di emigrati calamonacesi, la festa si spostò nelle succitate date. Tutt'oggi, la fede è letteralmente incarnata nella popolazione, che il Santo diventa oggetto di attenzione e di doni, denaro, oro e perfino di fuochi pirotecnici. I punti focali dello svolgimento della festa, a parte le bande musicali, gli spettacoli musicali, le gare sportive, l'illuminazione cittadina e l'addobbo della Chiesa Madre, sono:

  • La Processione del Simulacro
La "Processione" è il momento più religioso della festa, in cui non mancano rappresentanti di ogni famiglia locale. Subito dopo la Santa Messa, la Commissione fa sistemare il simulacro sulla vara ricoperta di fiori e provvede a vestirlo della preziosa pianta, tempestata di migliaia di oggetti d'oro e d'argento, ex-voto che i fedeli fanno al Santo Protettore. Rito silenzioso e ormai familiare che si conclude con il grido unanime "Viva il Patriarca di San Vincenzo Ferreri".
La vara inizia così il suo viaggio che spesso dura ore intere, per percorrere qualche migliaio scarso di metri, nel quale spessissimo uno o più fedeli offrono una somma in denaro oppure oro per ringraziarlo per aver ricevutouna grazia. Nel 1989, in seguito ad una grazia ricevuta, Vincenzo Baiamonte, grande devoto del Santo Taumaturgo, fece costruire uno Stendardo raffigurandolo, e che puntualmente ogni anno precede, al momento della processione, la vara.
Nel 1992, grazie all'intervento di Padre Antonino Marino, è arrivata a Calamonaci, con grande emozione, una Reliquia del Santo Taumaturgo, che viene portata in processione ogni anno. La reliquia, che consiste in una scheggia delle ossa di San Vincenzo, è stata posta sulla parte sinistra dell'altare, in una piccola cappella creata apposta per l'occasione.
Nel 1999, Venezia Bacino Nicolina nelle veci di Presidente della Festa, offrì una lampada votiva funzionante ad olio, come ringraziamento per una grazia ricevuta, posta davanti alla Reliquia di San Vincenzo Ferreri.
Reliqua San Vincenzo Ferreri
Nel 2001 è stato costituito il gruppo parrocchiale "Confraternita San Vincenzo Ferreri" che ad oggi è composto da 68 membri. Unico impegno momentaneo della confraternita è quello di organizzare la processione in modo da dare maggiore culto al Santo Protettore. Davanti al portone della Chiesa Madre, parte puntualmente ogni martedì il "Viaggio a San Vincenzo Ferreri". Gruppi di fedeli, si riuniscono per pregare e recitare un rosario al Santo Protettore percorrendo la via che il simulacro percorre al momento della Processione. Il motivo è sempre lo stesso: chiedere grazie o ringraziarlo per averle ricevute.
  • Le Rigattiate

La popolazione di Calamonaci è divisa in 2 fazioni urbane religiose: San Michilara (devoti di San Michele Arcangelo) e San Giuvannara (devoti di San Giovanni Battista). La formula delle rigattiate è preceduto da un sorteggio fra i 2 gruppi, stabilendo chi debba cimentarsi per primo, per circa mezz'ora, nella corsa cittadina, in Corso Garibaldi. Le rigattiate sono state definite come una sorta di Guerra Santa, perché è una sintesi fra fede e folklore, di religiosità e di paganesimo. Le due fazioni si contendono il primato per lo spettacolo che avranno saputo fare. A questa festa partecipa tutto il paese e tra spari di mortaretti e giochi d'artificio, i simulacri di San Giovanni e di San Michele, vengono fatti sfilare, o per meglio dire correre, su caratteristiche Vare, artisticamente addobbate, in cartapesta e canne o rete, e con soggetti rappresentati annualmente diversi, che vengono portate a spalla nuda dai giovani e meno giovani, con in mano ramoscelli di alloro (la Domenica) e fiaccole (il venerdì). Comincia così "l'Abballata di li Santi"; una folla in verosimile, osannante e festosa, sostiene le vare che vengono fatte ballare al ritmo incalzante delle marce tradizionali eseguite dalle bande: SANGIUVANNATA per San Giovanni, e SAN MICHILATA per San Michele. L'abballata, che dura 2 sere (Venerdì e Domenica), si conclude con la vittoria della fazione che, per addobbi, fuochi d'artificio, vare e tifo, ha saputomeglio onorare il suo Santo.

"Get the Flash Player" "to see this gallery."

  • Il Gran Premio del Mediterraneo
A partire dal 1963, con l'arrivo del fuochista Calamita, si diede inizio al "Gran Premio del Mediterraneo", ossia uno spettacolo pirotecnico di natura artistica e fantasiosa. Esso è regolato da uno statuto, il quale deve essere rispettato dai 2 fuochisti che partecipano al Gran Premio. Ogni anno il Gran premio ha luogo la sera della Domenica. Questa prestigiosa manifestazione attira migliaia di appassionati di tutta l'Isola. La festa, che si è in partemodificata nel corso degli anni, si caratterizza anche per la presenza di mostre, gare sportive e spettacoli musicali e folkloristici. Il visitatore rimane affascinato da un evento dove fede e autentiche tradizionipopolari trovano felice unica espressione.
Come raggiungerci
Inserisci indirizzo, città e nazione di provenienza e clicca su pianifica itinerario per ottenere le indicazioni stradali per raggiungere il comune di Calamonaci !



BDAP

Banca Dati Amministrazioni Pubbliche

Bussola della Trasparenza Report

Area riservata



Questo sito web si avvale dei cookie. Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito ne accetti esplicitamente il loro utilizzo. Per saperne di più leggi la nostra informativa privacy cookie policy.

Accetto i cookie per questo sito.